A Maranza le Dolomiti sono "all inclusive"

Pubblicato il da oleg

http://www.gazzettadiparma.it/mediagallery/foto/dett_articolo/1373459376156_0.JPGE' un paese di  800 anime sparse su un altopiano    tra la valle Isarco e la Val Pusteria, in Alto Adige. Eppure Maranza ha sbaragliato la concorrenza di altre 3600  fra  città d'arte e mete blasonate: 60 mila viaggiatori l'hanno incoronata vincitrice dell'HolidayCheck Destination Award 2012 per la qualità dei suoi 40 fra  hotel, pensioni e foresterie.
Inserita nel comprensorio turistico Gitschberg Jochtal che riunisce i comuni Rio di Pusteria (di cui fa parte  Maranza),  Vandoies di Sotto  e Rodengo (in tutto quattromila posti letto,   700 mila pernottamenti nel 2012, 44  chilometri  di piste e 16  impianti di risalita), Maranza ha anticipato   la  crisi, mitigandone gli effetti,  con una formula estiva «all inclusive» già copiata  da altre associazioni turistiche.   Si tratta dell'Almencard (e della variante Almencard plus) che  offre la possibilità di uso gratuito e illimitato  di  quattro  impianti di risalita,  dei mezzi pubblici regionali e l’entrata gratuita (per l'Almencard plus) o a tariffa ridotta (l'Almencard)  in più di 80 musei altoatesini e in impianti sportivi, oltre ad un programma   che include visite guidate e addirittura una gita in carrozza trainata da cavalli.

 Introdotta nel 2008, l'Almencard  (che viene  consegnata   dagli albergatori ai propri ospiti fino al 20 ottobre e vale quanto la durata del soggiorno) in pochi anni ha visto triplicare i viaggi in cabinovia nel comprensorio   Gitschberg Jochtal.
Attualmente aderiscono all'iniziativa il 95% degli albergatori e i riscontri sono positivi.  «Il costo di trasporti e ingressi può incidere molto nel budget di una vacanza familiare - spiega   Regina Gruber, proprietaria di uno degli 11 hotel a 4 stelle del comprensorio, il ‘Bergidyll Tratterhof’ di Maranza, posizione incantevole, ottima cucina e  centro benessere -  La formula dell'Almencard, così come quella della pensione ‘a tre quarti’ che noi applichiamo, con  ricca colazione, un primo piatto a pranzo, merenda con dolci al pomeriggio e cena con menù completo, sono risultate vincenti». In alta stagione, ci sono pacchetti  da  sette notti a 630 euro.
Vincente è anche la posizione di Maranza rispetto ad altre mete più conosciute del Trentino Alto Adige:  un viaggio da Parma  (traffico permettendo) di   tre ore, e dieci minuti di strada dal casello autostradale di Bressanone.  A Maranza non troverete il glamour di Cortina o  della Val Badia, ma una meta per famiglie, poco frequentata. Tradotto: niente code agli skilift (in inverno) o trekking e rifugi affollati (in estate), un territorio ricco di malghe (imperdibile la malga Fane) e masi da visitare, itinerari enogastronomici in allevamenti, caseifici, meleti  e vigneti (come Santerhof a Rio di Pusteria, il vigneto più settentrionale d'Italia, a quasi mille metri di quota),  e mete d'arte come l'abbazia di Novacella,  Castel Rodengo, Vipiteno, Chiusa e la vicina Bressanone, dove con l'Almencard si avranno gli stessi vantaggi della Brixen Card,  analoga carta promozionale. Insomma, una vacanza «easy», lontana  dalle   mode, che farà felici soprattutto le famiglie.

Autore: Monica Tiezzi

Fonte: http://www.gazzettadiparma.it/viaggi/dettaglio/2/196598/A_Maranza_le_Dolomiti__sono__all_inclusive.html

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: