Acquario di Livorno: guida a prezzi e orari

http://www.mentelocale.it/img_contenuti/collaboratori/grandi/Acquario-di-Livorno-1.jpgUn nuovo fiocco ha caratterizzato l'estate dell'Acquario di Livorno: intorno ai primi di giugno sono nati alcuni piccoli di trigone viola, una particolare specie di razza. Al momento della nascita ogni piccolo misurava circa quindici centimetri e pesava settantacinque grammi. Da adulto, può raggiungere i due metri di lunghezza e i trecento chili di peso.

Si tratta della terza nascita per questa specie nella struttura toscana; la prima era avvenuta nel settembre del 2010 e la seconda nel gennaio 2011.

Si può partire da questa nascita per raccontare la seconda vita dell'Acquario di Livorno: costruito nel 1937 su progetto dell'ingegnere Enrico Salvais, non ha avuto nel corso degli anni una vista facile. Distrutto durante la Seconda guerra mondiale, fu ricostruito e riaperto al pubblico. Nel 1999 la nuova chiusura di una struttura che dovette attendere il 2007 per vedere l'avvio dei nuovi restauri. L'ultima apertura è datata 31 luglio 2010 e ha restituito alla città il terzo acquario italiano (dopo Genova e Cattolica).

Oggi l'Acquario di Livorno è gestito dalla Costa Edutainment, la stessa società che si occupa, solo a Genova, dell'Acquario, del Galata Museo del mare, della Città dei bambini, del Bigo e della Biosfera.

Situato sul lungomare della città toscana, l'Acquario di Livorno si articola oggi su due piani. Al piano terra le vasche, al primo lo spazio per le mostre temporanee e una grande terrazza panoramica. I freddi numeri dicono che la struttura può contare su circa tremila metri quadri di spazi espositivi suddivisi in venti vasche che ospitano 150 specie, per un totale di circa 1.200 animali.

Lo scopo principale dell'Acquario è quello di informare e sensibilizzare il pubblico alla conservazione, la gestione e l'uso sostenibile degli ambienti acquatici. Gli spazi espositivi sono studiati per offrire una visione congiunta della natura (le vasche), dell'arte e della scienza (mostre temporanee). Lungo il percorso sono difatti disseminati spunti e collegamenti tra il mare, l'archeologia, la mitologia e la storia, con uno sguardo privilegiato alla costa etrusca nella quale è situata la struttura.

Lo sguardo è rivolto al presente (la costa livornese oggi), al passato e al futuro del Mediterraneo. La visita si snoda nelle quattro sale, ciascuna delle quali è caratterizzata da un tema ben preciso.

1) La sala Diacinto Cestoni - La biodiversità del Mediterraneo

2) Il presente del Mediterraneo - La costa degli Etruschi, Il mare aperto, Il fondale sabbioso, Il fondale roccioso, La darsena e il porto Mediceo

3) Area Bambini - Area di sosta e riposo dedicata ai più piccoli con due ricostruzioni a dimensione reale di uno squalo e di una tartaruga.

4) Passato e futuro del Mediterraneo - Le scogliere coralline, La simbiosi e L'area marina archeologica greco-romana.

Novità del 2011 è la nuova vasca dedicata alle meduse, in particolare alla medusa filloriza. Questa particolare specie è originaria del sud-ovest del Pacifico e recentemente si è diffusa nel Golfo del Messico. Sua caratteristica è la presenza di puntini sull'ombrella e inclusioni cristalline; in età adulta può raggiungere anche 45/50 cm di diametro.

Al primo piano vi è poi lo spazio espositivo temporaneo dove attualmente è ospitata la mostra Kosmos: il cielo e le stelle dall'antichità a Galileo, ideata dal Museo Galileo - Istituto e museo di Storia della scienza di Firenze e curata da Giovanni di Pasquale col supporto di Giorgio Strano. Si tratta di un viaggio nella scienza del cielo e nell'immaginario astronomico finalizzato a mettere in relazione la cosmologia con le varie espressioni del pensiero umano. La mostra, ideata per adulti e bambini, è divisa in tre sezioni a carattere storico. Si parte dalle conoscenze degli astri acquisite in Mesopotamia e nel Delta del Nilo, si passa per i contributi delle civiltà greco-romana e araba e si arriva alla svolta epocale di Copernico e Galileo.

Un'iniziativa interessante dell'Acquario è la possibilità di effettuate una visita guidata al dietro le quinte. In questo particolare tour si possono vedere le quindici vasche nascoste al pubblico nelle quali vengono ricoverati gli animali malati o ancora troppo piccoli per le sale espositive. Sempre in questa visita si può scoprire come avviene il filtraggio e il trattamento delle acque. Si vedono poi la cucina, dove viene preparato e conservato il cibo per gli ospiti dell'Acquario, e il laboratorio per le analisi. Ultima tappa è l'area tecnica attorno ad alcune spazi espositivi come le vasche del percorso mediterraneo e tropicale.

Esiste poi un altro tipo di visita guidata, pensata per adulti e bambini: quella denominata Misteri e segreti del mare: la Sirenza si racconta. Il pubblico viene accompagnano alla scoperta delle curiosità, della biologia e delle leggende mitologiche legate agli esemplari ospitati nelle vasche. Vi è poi il Gioco dell'intruso; i visitatori sono invitati a rispondere a indovinelli su temi come la simbiosi, il mimetismo, la sessualità e metodi difensivi degli animali.

Interamente dedicata ai bambini è infine l'iniziativa Tutti sotto insieme ad Otto. Otto, la mascotte polpo dell'Acquario, guida i piccoli partecipanti in giochi realizzati per l'apprendimento delle curiosità e delle principali caratteristiche degli animali ospitati nella struttura. ( Fonte: www.mentelocale.it)

Autore: Andrea Scarel

L'Acquario di Livorno osserva orari di apertura differenziati nel corso dell'anno.

 

Luglio e agosto - Tutti i giorni dalle 11.00 alle 22.00 (ultimo ingresso 21.15).

 

Giugno e dal 1° al 18 settembre - Tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 11.00 alle 19.00 (ultimo ingresso 18.15).

 

Aprile, maggio e dal 19 settembre al 16 ottobre - Tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.15).

 

Dal 17 al 31 ottobre - Sabato, domenica e festività dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo ingresso 17.15); giovedì dalle ore 14.00 alle ore 18.00 (ultimo ingresso 17.15)

 

Gennaio, febbraio, marzo, novembre e dicembre - Sabato, domenica e festività dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo ingresso 17.15), giovedì dalle ore 14.00 alle ore 18.00 (ultimo ingresso 17.15).

 

Biglietto integrato vasche e mostre temporanee:

Adulti - 12 Eu.

Ridotti (terza età, disabili con accompagnatore gratuito, militari e invalidi) - 10 Eu.

Ragazzi (4-12 anni) e scuole (2 insegnanti gratis ogni 15 studenti) - 6 Eu.

Gruppi (min.15) - 10 Eu (1 gratis ogni 20)

Gratuito da 0 a 3 anni.

 

Dietro le quinte - Fino al 30 settembre 2011; costo di 16 Eu per adulti, 10 Eu per i ragazzi dai 4 ai 12 anni e per le scuole, 14 Au ridotto (terza età e militari).

 

Tutti sotto insieme ad Otto - Sabato, domenica e festivi ore 11.30; partecipazione inclusa nel biglietto d'ingresso.

 

Misteri e segreti del mare: la Sirena si racconta - Sabato, domenica e festivi alle 17.30; costo 4 Eu

 

Il giovedì dei livornesi - Tutti i giovedì per i residenti tariffa ridotta: 8 Eu adulti e 5 Eu ragazzi.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog