Ad Assisi il World Tourism Expo Unesco 2011

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/26/Lightmatter_Basilica_of_StFrancis_Assisi.jpgDal 16 al 18 settembre Assisi torna ad ospitare il World Tourism Expo firmato Unesco, l’unico appuntamento mondiale specializzato nel turismo dei siti riconosciuti patrimonio dell’umanita’. Oltre 150 tour operator provenienti da tutto il mondo avranno la possibilita’ di conoscere l’offerta turistica dei luoghi inseriti nel World Heritage List, che potranno cosi’ essere inseriti all’interno dei cataloghi internazionali come mete d’eccellenza di un turismo responsabile ed emozionale.

 

Operatori di settore, stampa specializzata e viaggiatori, o chiunque sia a caccia di idee per programmare le prossime partenze, all’insegna di un turismo culturale e sostenibile, potranno iniziare a viaggiare virtualmente alla scoperta dei luoghi piu’ affascinanti del mondo nel cuore della citta’ storica di Assisi, tra Palazzo Monte Frumentario, sede del suggestivo percorso espositivo, e Palazzo Vallemani, che ospitera’ la parte scientifica dell’evento con oltre 40 appuntamenti, tra seminari, dibattiti, convegni e workshop tra espositori ed operatori della domanda.

 

L’accesso agli stand e ai seminari e’ libero e gratuito. Alla vigilia della sua seconda edizione il Salone Mondiale del turismo nelle citta’ e nei siti Unesco ha registrato un aumento generale delle adesioni del 30%, con la presenza del 70% dei siti italiani, l’ingresso di numerosi paesi stranieri (Cuba, Giappone, Belgio, Malta, Tunisia, Croazia e Giordania) e l’arrivo in massa di oltre 150 tour operator internazionali (Usa, Canada, Francia, Regno Unito, Germania, Olanda, Svizzera e Austria). Marco Citerbo, direttore del Wte, ha inoltre annunciato la grande novita’ della prossima edizione nel 2012: il lancio delle tre ‘Giornate della dieta mediterranea’, iniziativa parallela alla borsa internazionale del turismo Unesco, che coinvolgera’ i paesi del bacino mediterraneo Italia, Spagna, Grecia e Marocco. “Tra i 187 stati membri dell’Unesco – ha dichiarato Claudio Ricci, presidente dell’associazione Beni italiani patrimonio mondiale Unesco e sindaco di Assisi – il nostro paese vanta il primato per avere in assoluto il maggior numero di siti dichiarati patrimonio dell’umanita’. Su 939 siti materiali e 232 siti immateriali in tutto il mondo, 50 sono infatti i siti italiani, tra beni materiali e immateriali.

 

Da questi numeri si capisce quanto grande sia l’opportunita’ data da questo evento sia ai siti Unesco italiani sia alla nostra regione. La presenza di 150 tour operator e buyer garantira’ non solo la promozione dei siti Unesco, ma anche la promozione e l’alta visibilita’ dei territori circostanti in cui sono inseriti. La seconda considerazione attiene ad una nuova concezione di turismo, ovvero il turismo dell’anima, delle emozioni, un turismo che fa vivere le esperienze e i luoghi in un modo autentico e che diventa momento di crescita per il fruitore oltre che importante indotto economico per il territorio”. ( Fonte: www.blitzquotidiano.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog