Asia: luoghi e monumenti che non trovi sulle guide

Pubblicato il da oleg

http://l.yimg.com/bt/api/res/1.2/RbMlAObzwIzBqJRNnanu3A--/YXBwaWQ9eW5ld3M7cT04NTt3PTQwMA--/http://l.yimg.com/os/254/2012/05/22/luoghi-che-non-trovi-sulle-guide-jpg_092845.jpgL’Asia è il continente più popoloso del pianeta, e forse quello con la storia più antica e celebrata. Monumenti e bellezze paesaggistiche riempiono centinaia di libri, guide turistiche e depliant. Ma esistono percorsi che escludono alcuni gioielli dimenticati o poco considerati, pratiche non pubblicizzate e luoghi dalla bellezza abbacinante ma sottovalutata.

L’India, brulicante di oltre un miliardo di abitanti, nasconde gemme come Ootacamund nel caldo e umido sud della nazione, un raro luogo di pace e serenità, dove l’ambiente ricorda l’Inghilterra coloniale, e dove troverete campi da golf e tea house. Via dalla pazza folla. Ma chi viaggia in questo sub continente non potrà mancare di immergersi nei colori, negli odori e nella folla di Haridwar, a nord di Benares, sulla riva del grande fiume. L' Har-Ki-Pairi Ghat, letteralmente "l'orma di Dio" è l’insieme di scalinate che conducono al Gange (come quelle più celebri di Varanasi), che raccolgono ogni sera, al crepuscolo, migliaia di fedeli. La gigantesca statua di Shiva, che pare uscire dalle acque, con il tridente in mano, la folla di pellegrini, gente comune e asceti, sono ingredienti di un’esperienza mistica. I fortunati potranno osservare l'indimenticabile, magica cerimonia dell'Aarti Ganga dove, quando il sole scende, i fedeli affidano le lampade votive, appoggiate su foglie di banano, alle acque del fiume sacro mentre una voce recita il mantra.

In Cambogia invece, non lontano da Siem Rep, provate a percorrere le minuscole strade fluviali in mezzo alle immense coltivazioni di marijuana sulle piccole barche che sono l’unico mezzo di trasporto utilizzato in estate attorno al lago Tonle Sap. E cercate di arrivare a Battambang, meravigliosa per i suoi i templi angkoriani, e a Phnom Sampeau, notevole per una famosa caverna piena di pipistrelli, posta su di un lato della collina. I locali dicono che è abitata da almeno dieci milioni di esemplari che tutte le sere al tramonto escono con grande stridio e volano sulle risaie circostanti in cerca di insetti. Escono a cena.

In Sri Lanka non perdete il giardino botanico di Peradeniya, poco distante da Kandy, risalente al XIV secolo e considerato uno dei cinque più bei giardini botanici del mondo. Contiene tutte le specie floreali e arboree dell'isola, più altre piante esotiche per un totale di quasi cinquemila. La manutenzione comporta l’impiego di quasi mille giardinieri. Quando passerete da Hong Kong ricordate che a pochissimi chilometri da una delle metropoli più avanzate e convulse del mondo, c’è la giungla. Esattamente al di là della collina. Vale la pena addentrarcisi anche solo un po’.

In Thailandia, invece non perdete l’isola di  Koh Kood, che abbina la meraviglia del paesaggio marino alla serenità e all’assenza di turismo di massa. E quando sarete di passaggio a Bangkok trovate assolutamente il tempo di andare a farvi massaggiare dagli studenti della leggendaria scuola di massaggi situata all’interno del Palazzo Reale. Sarete le loro cavie, è ciò abbasserà il prezzo a cifre irrisorie, ma avrete il meglio del massaggio thai, il tutto in una cornice surreale, negli enormi spazi comuni della reggia, sotto l’aria mossa dai giganteschi ventilatori a soffitto. Per accedervi non ci sono prenotazioni telefoniche ma una semplice coda e, una volta preso l’appuntamento,  c’è tempo e modo per visitare il meraviglioso palazzo. Infinite le perle nascoste, poco lo spazio per raccontarle.
Fonte: http://it.notizie.yahoo.com/asia--luoghi-e-monumenti-che-non-trovi-sulle-guide.html