Atlantide ritrovata: Santorini, piacere divino

http://ts4.mm.bing.net/images/thumbnail.aspx?q=4979663072003463&id=5d8a6f2182086738f22659b7b592e2f5Vasto cratere vulcanico invaso dal mare, Santorini, la più meridionale delle grandi isole cicladiche, è uno dei luoghi più spettacolari del Mediterraneo. Particolarmente suggestivo è l’arrivo via mare, quando la nave entra nell’ampia rada, le cui acque azzurre contrastano con la cupa scogliera sovrastata da grappoli di cubi bianchi. Era forse questa la mitica Atlantide di cui favoleggia il mito?

1600 a.C., anno più anno meno. Santorini è protagonista di uno dei più imponenti cataclismi della storia. Dopo aver tremato per mesi (permettendo così agli abitanti di evacuare l’isola), il vulcano erutta fino ad esplodere, scagliando nella stratosfera un getto di materiali compressi e di gas ad una velocità di 2000 km/h. Le ceneri si spargono per un raggio di vari chilometri, oscurando il sole e alterando per settimane le condizioni meteorologiche del Mediterraneo. La violenta esplosione di magma svuota il bacino sottostante l'isola, causando il crollo del vulcano: miliardi di metri cubi d'acqua si riversano nell'abisso incandescente e il vapore che si genera scatena una serie di esplosioni che smantellano ciò che resta di Santorini, provocando uno spaventoso tsunami. Onde gigantesche raggiungono la costa settentrionale di Creta, devastandone i villaggi e provocando il declino della fiorente civiltà dell’isola. La vicenda storica è stata più volte messa in correlazione con il mito della favolosa Atlantide, che come racconta Platone fu spazzata via da una serie di eventi naturali molto simili a quelli che colpirono Santorini. 
 
Tra le conseguenze più durature (e positive) del cataclisma c’è il fertile strato di terreno vulcanico che riveste l’isola e che ne fa il primo produttore di vini bianchi della Grecia. Le vigne qui sono coltivate con la particolare tecnica del canestro: i tralci vengono tenuti bassi e intrecciati sul terreno a formare una specie di corona, che permette ai grappoli di resistere al forte vento che sferza l’isola e di raccogliere la rugiada notturna. Questa, oltre a mitigare gli effetti dell’aridità estiva, deposita sui grappoli tracce di sale marino, responsabili della mineralità caratteristica di molti vini di Santorini.
 
Degli oltre 1000 ettari di vigneti, circa l’80% è costituito da uve assyrtiko, da cui si ottiene un superbo bianco demi-sec piuttosto fruttato. Ci sono poi l’aidani, che presenta un caratteristico e fragrante profumo di gelsomino, e il nykteri, prodotto con uve assyrtiko, athiri e aidani, un vino secco e profumato affinato in botti di rovere per almeno 3 mesi. Celebrità enologica di Santorini è comunque il vinsanto, prodotto dalle varietà assyrtiko e aidani: dopo la vendemmia l’uva rimane ad essiccare al sole per 14 giorni, viene poi torchiata e passata in barrique per almeno due anni. Il risultato è un vino intenso e ambrato, ben bilanciato dall’acidità dell’assyrtiko, da gustare a fine pasto ma anche come aperitivo.
 
Il principale centro viticolo dell’isola è Messariá, 4 km a sud-est di Thirá. Nella vicina Exo Goniá, l’Art Space è una suggestiva galleria di arte contemporanea ospitata nelle vecchie cantine di argilla dell’azienda vinicola Argyro’s Canava (www.artspace-santorini.com). Sulla costa orientale, invece, Kamári ospita il Koutsoyannopoulos Wine Museum, interessante museo storico sui vini di Santorini, allestito a 8 metri di profondità nei corridoi delle cantine dell’azienda vinicola Koutsoyannopoulos, fondata nel 1880 (www.volcanwines.gr).
 
Per completare il tour enologico, ecco alcune delle belle cantine che potrete visitare sull’isola:
Boutari Winery: Megalohori - tel. 22 860 81 011 - www.boutari.gr
Hatzidakis Winery: Pyrgos Kallistis - tel. 22 860 32 466 -
SantoWines: Pyrgos - tel. 22 860 22 596 - www.santowines.gr
Sigalas Wines: Baxes, Oia - tel. 22 860 71 644 - www.sigalas-wine.gr
Questo e altro ancora in Isole della Grecia, Il meglio di… uno degli otto titoli della nuova collana edita da Michelin. Agili per dimensioni, forma e contenuto, moderne e vivaci, attraverso itinerari di 1 o 2 giorni le guide Il meglio di… vi conducono alla scoperta del meglio delle più belle regioni europee con un pratico apparato cartografico e molti indirizzi utili.
 
Il meglio di… è
Andalusia
Borgogna e Champagne
Castelli della Loira
Corsica
Costa Azzurra
Isole della Grecia
Normandia
Provenza
Sul web
Fonte: http://viaggi.viamichelin.it/web/Destinazione/Grecia-Thira/News-Atlantide_ritrovata_Santorini_piacere_divino-?from=HP
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog