Bagnoregio: fine settimana nella città che muore

http://www.vacanzecultura.it/images/stories/Italia/lazio/civita%20di%20bagnoregio3.jpgCivita di Bagnoregio, al confine tra Lazio e Umbria è composta da due paesi, Civita e Bagnoregio. Civita è anche nota come la città che muore, posta su di una roccia di tufo che si sta lentamente sgretolando e collegata a Bagnoregio, come al resto del mondo, solo da un lungo e stretto ponte pedonale affacciato su un dirupo. Stradine silenziose corrono tra le case, alcune abbandonate, altre abitate da simpatici vecchietti che non intendono lasciare il loro paese e che vi aspettano, ansiosi, seduti sul ciglio della strada per raccontarvi la loro storia, i ricordi di un tempo ormai lontano quando Civita era ancora piena di vita e di gente. Completamente costruita in pietra, Civita ha un aspetto accogliente e gradevole; si può vagare indisturbati tra i vicoli, curiosare tra i vetri opachi di una casa, seguire la luce delle lanterne di notte e gustare una deliziosa bruschetta seduti sotto il portico di un antico frantoio. Civita di BagnoregioE poi c'è Bagnoregio, un tempo dominata da Civita ora indispensabile per la sopravvivenza di quest'ultima. Qui, come nel tipico paese italiano, si conoscono tutti e non c'è modo di passare inosservati: l'unica cosa da fare è accettare l'accoglienza locale e non confonderla con invadenza. Una vasca in pietra, dove una volta le donne lavavano il bucato e chiacchieravano, è ancora oggi un punto di ritrovo essenziale nella vita comunitaria, una scusa eccellente per incontrare le solite persone e condividere momenti di convivialità autentici. ( Fonte: http://www.vacanzecultura.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog