Cividale del Friuli e Palù di Livenza: nuovi patrimoni mondiali Unesco

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d4/Cividale_del_Friuli.jpg

Cividale del Friuli, capitale del primo ducato longobardo in Italia, e Palù di Livenza, sito paleolitico tra i più antichi dell'Italia settentrionale, sono i due nuovi patrimoni mondiali Unesco del Friuli Venezia Giulia. Vieni a scoprirli!
Oltre ad Aquileia e alle Dolomiti che hanno ottenuto il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell'Unesco già da alcuni anni, il Friuli Venezia Giulia può vantare dal 2011 anche l'iscrizione a Patrimonio Mondiale per altri due siti: Cividale del Friuli per "I Longobardi in Italia, i luoghi del potere (568-774 d.C.)" e Palù di Livenza, sito paleolitico tra i più antichi dell'Italia settentrionale che ha ottenuto l'iscrizione alle liste Unesco per i "Siti palafitticoli preistorici dell'arco alpino", i quali si estendono dalla Francia, alla Slovenia, considerando anche la Svizzera, la Germania, l'Austria e altre città italiane.
Da giugno 2011, anche la capitale del primo ducato longobardo in Italia rientra nella lista dei siti Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.
Cividale del Friuli, grazie al Tempietto Longobardo, uno dei sette simboli più rappresentativi del potere longobardo in Italia, è riuscita a fregiarsi di questo importante titolo, rientrando assieme ad altre città italiane che conservano prestigiose testimonianze longobarde, nella "via longobardorum": un itinerario che ha proprio nella antica Forum Iulii il suo punto di partenza.
Una passeggiata tra le bellezze di Cividale, da scoprire anche con le visite guidate
Cogli anche tu l'occasione di scoprire Cividale e i suoi tesori. Potrai goderti una passeggiata nella suggestiva cornice del suo centro storico, attraversando il leggendario Ponte del Diavolo sul fiume Natisone, fino ad arrivare all'imponente Duomo. Ma potrai anche scoprire numerosi gioielli artistici come il Tempietto Longobardo, straordinaria testimonianza dell'architettura alto-medievale occidentale e prestigioso sito Patrimonio dell'Umanità; l'Ipogeo Celtico, suggestiva cavità le cui funzioni di origine sono ancora misteriose e il Monastero benedettino di Santa Maria in Valle. Non perderti, inoltre, la visita al Museo Archeologico Nazionale e al Museo Cristiano del Duomo: in quest'ultimo sono custoditi l'Altare di Ratchis e il Battistero di Callisto, importanti opere a testimonianza del patrimonio artistico longobardo.
Un tripudio della natura: Cividale e le Valli del Natisone
Cividale del Friuli è uno scrigno d'arte immerso in vallate magicamente uniche e ricche di tradizioni antichissime. Nelle vicine Valli del Natisone, infatti, potrai trovare innumerevoli spunti per attività all'aria aperta, visite culturali e naturalistiche, (per esempio a Pulfero con la suggestiva Grotta di San Giovanni d'Antro), ma anche scoprire i gusti e i profumi autentici dei piatti tipici locali.
Per saperne di più sui siti Patrimonio Mondiale dell'Unesco del Friuli Venezia Giulia visita i siti web:
www.unesco.it/cni/
www.sitiunesco.it
Fonte: Turismo Friuli Venezia Giulia

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog