Ferragosto nei luoghi più ameni d'Italia

http://www.lastampa.it/rf/image_lowres/Pub/p3/2013/08/05/Societa/Foto/NX-VGG-ART-369584-vls_369131_picnic.jpgLontani dalle solite spiagge, ecco i luoghi meno affollati d'Italia per una giornata fuori porta tra cultura, natura e sapori che fanno la differenza. Parola del Fai.

Livia Fabietti ( nexta)


Tempus fugit dicevano i latini: quando l’estate scorre inesorabile sotto gli occhi e i volti accaldati, nulla si può fare per fermare il passare dei giorni se non abbandonarsi a quello che, attingendo al nome della celebra commedia di Shakespeare, potrebbe essere il sogno di una notte di mezza estate. Le spiagge si affollano, gli amori sbocciano, la pelle si abbronza e tutti sono alla ricerca di qualche spensierato momento di evasione per lasciare da parte la frenesia quotidiana, lo stress della città e del lavoro, per tuffarsi a tutto tondo in un mondo fatto di relax e divertimento. C’è chi scappa all’estero e chi rimane nel Belpaese per piacere o per dovere ma lo stivale non delude mai e, come ogni estate, riserva ai suoi fedelissimi tanti spunti interessanti per vivere con allegria e con appuntamenti stimolanti il periodo più rovente dell’anno.

Come d’inverno lo è il Capodanno, in estate tutti si pongono il quesito relativo a cosa fare a Ferragosto, la festa dell'Assunta che ogni cade il 15 agosto e ricorda l'Assunzione di Maria, un momento che per molti ha perso quella sua valenza religiosa per trasformarsi in un pretesto per concedersi un momento di svago: il suo nome non lascia margine d’errore in quanto deriva dal latino feriae Augŭsti ovvero ferie d’agosto e, se nell’antica Roma si festeggiava con corse con i muli, oggigiorno sono in molti a vivere la giornata all'insegna di falò in spiaggia e gite con pranzo al sacco a tu per tu con gli angoli verdi e più freschi dello stivale.

DIECI LUOGHI AMENI D'ITALIA: LE FOTO

Romantici e indecisi, quest’anno a dare un valido spunto per il ferragosto è il FAI, il Fondo Ambiente Italiano che, per una volta, suggerisce di abbandonare le affollate spiagge per intensi momenti di svago che hanno come scenografia un altro contesto paesaggistico: il fascino spirituale di Assisi non delude mai e, ad avvolgere in questa dimensione di pace è il Bosco di San Francesco (tel. 075-813157), perfetto per assaporare l’autentico spirito francescano facendo proprio quel privilegiato rapporto tra uomo e natura. Impossibile non percepire l’unicità di un luogo che ha sulle proprie spalle 800 anni di storia, là dove sono nate e si alimentano storie e leggende che  l’avvolgono in quell’alone di mistero.

Qui bastano pochi e semplici strumenti per passare una giornata piacevole: una bella tovaglia, la giusta compagnia e dell’ottimo cibo, poche cose per riscoprire il piacere di una scampagnata come ai vecchi tempi. Gli ospiti potranno unire l’utile al dilettevole tra i sentieri del Bosco, le radure, gli uliveti tra giochi e altre attività all'aria aperta, approfittando del fresco e delle bontà umbre messe a disposizione dall’ Osteria del Mulino che, per chi volesse, propone cestini pic-nic a costi contenuti.

Spazio al relax anche al Monastero di Torba (Via Stazione, 21040, Gornate Olona, Varese, Tel. 0331-820301), là dove trascorrere sani momenti spensierati avvolti nel verde dei boschi del Varesotto tra giochi, attività di svago e pic-nic all’aria aperta godendo del prato del monastero, un’area ancora incontaminata e ricca di storia, un’occasione d’oro per visite guidate all’insegna della storia e dell’arte di prezioso complesso monumentale iscritto dal giugno 2011 nelle Liste del Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco in quanto parte del sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”.

Non solo natura, il Ferragosto ha anche un volto musicale e lo si vive nell'antico chiostro dell' Abbazia di San Fruttuoso, a Camogli, in compagnia della ventunesima edizione della rassegna “Concerti all’Abbazia”, una rassegna organizzata dal Fai in collaborazione con l’Associazione Culturale Echi di Liguria. L’appuntamento per il 15 d’agosto è con Vincenzo Zitello, compositore, concertista e pioniere dell’arpa celtica in Italia, pronto a tenere compagnia con soavi melodie che renderanno ancora più piacevole la vista notturna del millenario chiostro. Informazioni utili: www.fondoambiente.it

DIECI LUOGHI AMENI D'ITALIA: LE FOTO

Fonte: www.lastampa.it

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog