Genova: " Slow Fish 2011", dal 27 al 30 maggio

http://www.mentelocale.it/img_contenuti/collaboratori/grandi/Slow-Fish-g.jpgDa venerdì 27 a lunedì 30 maggio alla Fiera di Genova torna l'appuntamento con Slow Fish, la manifestazione internazionale a cadenza biennale dedicata al mondo ittico e agli ecosistemi acquatici, giunta quest'anno alla quinta edizione.

Tra convegni, laboratori, incontri e degustazioni durante le giornate di Slow Fish si affrontano temi legati alla produzione sostenibile di pesce e al consumo responsabile, cercando di agevolare un confronto tra i protagonisti: pescatori, distributori e consumatori.

 

Una specie in più: i pescatori, questo è il tema portante di Slow Fish, che nell'edizione 2011, oltre alla consueta attenzione verso problema dell'impoverimento dei mari, intende raccontare il mestiere di pescatore, dalla pesca artigianale di una volta con le sue tradizioni, opportunità, conoscenze e culture, alla pesca di oggi e al suo rapporto con la modernità e con il sistema globale.

 

Carlo Petrini, presidente Slow Food, auspica che durante la kermesse si possa creare un collegamento tra i pescatori del Mediterraneo, approfittando della probabile presenza nella giornata inaugurale di Maria Damanaki, commissario europeo agli affari marittimi e alla pesca: «dobbiamo discutere del mare nostrum, coinvolgendo i pescatori delle diverse sponde del Mediterraneo - afferma Petrini. - È un modo per costruire la pace e iniziare ad interagire in maniera positiva con i paesi che stanno cambiando. Vorrei che Genova ospitasse i pescatori tunisini, marocchini ed egiziani e che capofila di questa iniziativa fossero proprio i pescatori liguri e quelli di Lampedusa, che, dopo anni di conflitto con quelli tunisini, oggi li accolgono nella loro terra. Mi piacerebbe che Genova potesse diventare un luogo d'incontro e di fraternità».

 

Durante la manifestazione è previsto un ricco calendario di eventi: da quelli riguardanti principalmente l'aspetto gastronomico e culinario del mondo ittico, a quelli che approfondiscono l'aspetto conoscitivo, ludico ed educativo.

 

Tra gli appuntamenti legati alla cucina segnaliamo i Laboratori del gusto, una ventina di incontri con chef ed esperti pescatori, che si alternano in degustazioni guidate, per far conoscere ai consumatori i prodotti sotto tutti i punti di vista: dalla storia all'analisi sensoriale, dall'aspetto nutrizionale fino all'utilizzo in cucina. L'edizione 2011 vede protagonista il binomio olio e pesce: i consumatori possono provare in abbinamento alle degustazioni le etichette selezionale dalla Guida agli extravergini di Slow Food Editore.

Nei Teatri del Gusto, invece, è possibile ammirare i grandi chef all'opera, mentre preparano le loro migliori ricette, avendo cari i principi di Slow Food, come il rispetto per la stagionalità, la freschezza e la sostenibilità delle materie prime. Torna a Slow Fish anche l'Osteria dell'Alleanza, dove una ventina di cuochi internazionali propongono piatti a base di presidi Slow Food.

 

Per chi vuole assaggiare la buona tavola proposta da Slow Fish, all'interno della manifestazione, trovano le Osterie del Mare, le Isole del Gusto, le Cucine di Strada e i Panini d'aMare, diversi spazi destinati alla ristorazione, dove scoprire le specialità gastronomiche dei territori in abbinamento ai vini dell'enoteca. Con la grande diffusione negli ultimi anni della moda del pesce crudo, Slow Fish ha deciso di trattare l'argomento sia dal punto di vista ambientale, culturale e sanitario, sia ospitando un'Isola del Sushi, uno spazio in cui osservare il tipico taglio e cucina giapponese, dove, tuttavia, si utilizzano esclusivamente le specie meno sfruttate del Mediterraneo.

 

Non manca il tradizionale Mercato, ubicato al piano superiore del padiglione B della Fiera di Genova. Qui è possibile trovare pesce fresco e conservato, insieme ai Presidi del mare, olio, spezie, sale, alghe e derivati.

 

Per quanto riguarda l'aspetto conoscitivo ed educativo, anche quest'anno vengono proposti i Laboratori dell'Acqua: incontri con professori, biologi, ricercatori e giornalisti. In programma diciotto appuntamenti, durante i quali si parla di diversi temi, dal ruolo del pescatore alla tutela della biodiversità, dalla costruzione del prezzo alla pesca illegale, dalla vendita diretta all'etichettatura.

Due percorsi dedicati a visitatori e scolaresce sono quelli dell'area Slow Food Educa, dove si spiega l'importanza che hanno le nostre scelte nei confronti dello stato di salute dei mari e delle specie ittiche.

 

Tra le novità di quest'anno c'è la prima uscita di Slow Fish dai padiglioni della Fiera di Genova per gli incontri del ciclo Parlami di Mare, realizzati in collaborazione con il Festival della Scienza, Acquario di Genova-Costa Edutainment, Museo del Mare e Palazzo San Giorgio. Si tratta di una serie di otto conferenze di approfondimento aperte al pubblico in varie sedi del centro cittadino, che vertono su temi legati al mare, all'ambiente e ai grandi cambiamenti climatici.

Slow Fish prevede un impegno concreto anche per quanto riguarda gli allestimenti, studiati appositamente per ridurre l'impatto ambientale: dalla scelta di materiali riciclabili alla gestione dei rifiuti, dal consumo di acqua a quello energetico. ( Fonte: www.mentelocale.it)

Autore: Chiara Pieri

 

Per saperne di più:

Slow Fish 2011

 

Genova, 27-30 maggio

Quartiere fieristico, piazzale Kennedy 1, Padiglione B

 

Orari

Venerdì 27, sabato 28 e domenica 29: ore 11-23

Lunedì 30: ore 11�20

 

Biglietti di ingresso acquistabili direttamente alle casse della Fiera

Intero: 7 Eu

Ridotto: 5 Eu (over 65, ragazzi dagli 11 ai 22 anni, gruppi con + di 25 persone)

Soci Slow Food: 2 Eu

Bambini fino a 10 anni: gratuito

Abbonamento 4 giorni: 15 Eu

 

Prenotazioni appuntamenti

I posti disponibili per gli appuntamenti di Slow Fish (Laboratori del Gusto, Teatro del Gusto, Incontri con il PescAutore � Granai della Memoria, Pranzo della domenica dei Cavolfiori a merenda) sono limitati, per cui è indispensabile prenotare.

 

Come arrivare a Slow Fish

 

In treno. La stazione più vicina alla Fiera, a circa 1 chilometro, è Genova Brignole: autobus 31 e 10.

 

In aereo. L'aeroporto Cristoforo Colombo (tel. 010 60151) dista dalla Fiera circa 8 km. Il servizio di bus navetta Volabus collega l'aeroporto alla stazione ferroviaria di Principe e Brignole.

 

Servizi di bus navetta (Agenzia Volpi - tel: 010 561661- 010 581949) collegano Genova con gli aeroporti di Milano Malpensa e Nizza.

 

In auto

- Per chi proviene dalla A12 (direttrice tirrenica): uscita Genova-Nervi o Genova Est.

- Per chi proviene dalla A10 (Autostrada dei Fiori), dalla A7 (Milano-Genova) e dalla A26 (Alessandria-Genova): uscita al casello di Genova-Ovest. Da qui ci si immette sulla sopraelevata che conduce direttamente al quartiere fieristico.

 

Parcheggi vicino alla Fiera All'aperto: Piazza della Vittoria, Piazza Paolo da Novi, P.le Kennedy, P.le Luther King e P.le Vittorio Veneto. Al coperto: Park Vittoria, Lambruschini Park, City Park

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog