Gnudi, serve campagna per ‘educare’ italiani al turismo

http://ts4.mm.bing.net/images/thumbnail.aspx?q=4753361078649303&id=d3dbd21cf3e39fcf25abbb6312d6ca79“Come la presidenza del Consiglio, vogliamo realizzare una campagna pubblicitaria per spiegare agli italiani che l'Italia siamo noi: bisogna educare gli italiani a rapportarsi con i turisti, e questo si può fare da subito”. Ad affermarlo Piero Gnudi, ministro del Turismo, intervenendo in videoconferenza alla presentazione della nuova rivista del Touring Club Italiano. Nel suo intervento, Gnudi ha anche riflettuto sulle opportunità che il turismo nazionale potrà sfruttare nel prossimo decennio di sviluppo dei flussi mondiali. “Il turismo internazionale va bene attualmente - ha osservato - ma quello nazionale soffre la crisi economica. Se non riusciamo a sviluppare questo tipo di turismo - ha avvertito - in futuro avremo difficoltà: si calcola che da qui a 10 anni il turismo raddoppierà, e città come Venezia e Firenze finiranno per soffocare. Per questo c'é il bisogno di diffondere il turismo su tutto il territorio nazionale”.
Inoltre, il ministro ha parlato anche di Expo 2015 sottolineando che si sta lavorando per “offrire pacchetti per turisti che verranno a visitarlo e potranno poi visitare anche altre città e altre regioni. A questo scopo stiamo lavorando ad accordi con i vettori, specie low-cost. L'Expo - ha concluso - è un'occasione unica per il nostro Paese e dunque bisogna far sì che chi viene sia invogliato a vedere anche altro”. ( Fonte: www.travelnostop.com)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog