Grado, la città lagunare: monumenti, spiagge e Terme

La bella laguna di Grado è la naturale prosecuzione orientale della Laguna di Marano. Se Lignano Pineta (Sabbiadoro) ne rappresenta il centro più importante della porzione più occidentale (Marano), Grado situata sull'isola d'Oro è una magnifica località turistica che domina la parte più ad est della laguna, tra spiagge estese, dense pinete profumate di resina, l'imponente cornice alpina alle spalle e con un bagaglio di storia e architettura tali da averla fatta soprannominare come la Prima Venezia, tale è la magia delle sue strade e sue chiese, e la sua storia che ha radici più antiche della Serenissima.

 

Un tempo isola raggiungibile in barca, ora è facile arrivare a Grado utilizzando l'autostrada A4 con uscita a Palmanova, seguendo la via Julia verso su in direzione di Cervignano e poi la SS352 che dalla vicina Aquileia si muove ulteriormente verso sud inoltrandosi nella Laguna tra paesaggi incantati, dove il cielo si confonde con lo specchio d'acqua lagunare riempendosi di riflessi sorprendenti, passando a fianco dell'isolotto di Gorgo, e arrivando a Grado dopo un passaggio di oltre 4 chilometri di strada completamente circondata dalle acque. Esiste un altro percorso alternativo che parte direttamente dal centro di Monfalcone: si segue la Via Grado (SP19), si passa il fiume Isonzo a sud-est di Fiumicello, si oltrepassa il Canale di Primero e si giunge sulla parte più orinetale dell'isola di Grado, si oltrepassa l'area di Grado - Pineta e si giunge nel centro cittadino.

L'aeroporto più vicino è quello di Ronchi dei Legionari, situato a nord-ovest di Monfalcone e facilmente raggiungibile da Cervignano del Friuli.

 

Grado possiede un clima complessivamente mite, con estati calde e sostanzialmente secche, anche se il Friuli è la regione più interessata dai fenomeni temporaleschi estivi, quando aria fresca riesce ad infiltrarsi da nord delle Alpi scatenando rovesci anche intensi, ma di solito di breve dura. Il periodo migliore per visitare Grado è sicuramente l'estate, quando predominano le giornate soleggiate e l'acqua del mare tocca punte di 26 gradi ad Agosto mentre le temperature massime giornaliere si posizionano sui 28 gradi, tenute basse dalle brezze marine e dall'azione rinfresscante delle acque della laguna.

 

Da vedere a Grado c'è molta storia ed arte, come testimonia la bella basilica di Santa Eufemia che ha origini antiche essendo stata eretta nel VI secolo dopo Cristo. E' affiancata da un imponente campanile di costruzione più recente, con una caratteristica cuspide su cui svetta una statua che raffigura S. Michele.

L'interno di S. Eufemia è pregevole, e tra le varie opere svetta lo splendido mosaico pavimentale che assieme a quello della non lontana basilica di Aquileia è una delle attrazioni turistiche principali della zona. A fianco della basilica si trova un bel Battistero mentre un poco più a nord si trova la piccola ma graziosa basilica di S. Maria delle Grazie, anchess con mosaici interessanti.

 

In pieno centro cittadino si trova il Porto Canale di Grado, una darsena piccola ma graziosa, collegata alla laguna da un canale lungo 500 m circa. Parte della città si trova anche sulla vicina isola della Schiusa, dove si trova anche il campo sportivo.

 

Grado è dotato di due grandi spiagge: il lido principale, almeno per lunghezza, si trova a costeggiare il Viale Regina Margherita, ma poi l'arenile si prolunga oltre fino a Grado Pineta e alla Punta di Barbacale, per un totale di un fronte di oltre 3 km di sabbie finissime.

 

Un altra spiaggia si trova nella parte più occidentale dell'isola, possiede un fronte di circa 600 m che va da una dica fino al bordo occidentale del centro storico e una grande profondità che s'avvicina ai 200 m in alcuni punti.

Nella zona più orientale, oltre a Grado Pineta sono da segnalare il Golf Grado, un vasto campo da golf magnificamento inserito nei paesaggi lagunari, il Vilaggio turistico di Cà Laguna e il grande Camping Europa.( Fonte: ilturista.info)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog