Il cuore Swarovski del Tirolo austriaco

  • oleg
  • Austria

http://viaggi.lastampa.it/fnts/viaggi-lastampa/immagini/resized/i/l/il-gigante-swarovski-nella-valle-di-hall-wattens-tirolo_150739_407x229.jpgUna collina dal volto umano, anzi di gigante, con due cristalli al posto degli occhi e una fragorosa cascata che fuoriesce dalla bocca. No, non è un sogno, ma i Mondi di Cristallo, ed esistono per davvero. Per vederli non c’è bisogno di nessun “Abracadabra” ma solo andare nella valle di Hall Wattens, nel cuore del Tirolo austriaco e a pochi chilometri da Innsbruck, dove, tra rilassanti prati verdi e cime di montagna, un giorno si trasferì una famiglia il cui nome è ancora oggi sinonimo di arte preziosa.

 

Quando nel 1895 Daniel Swarovski I inventò la macchina per tagliare e lucidare il cristallo forse non era del tutto consapevole dell’effetto che ciò avrebbe avuto sul mondo della gioielleria e su come questo sarebbe stato l’inizio di una lunghissima favola. Una favola che nel 1995 - in occasione del centenario della nascita dei cristalli Swarovski, è diventata ancora più realtà con il museo, uno dei più visitati di tutta Austria, Kristallwelten, meglio conosciuto come il Gigante Swarovski.

 

Una volta entrati dentro la bocca della “montagna umana” ci si ritrova infatti all’interno di un universo di cristallo da scoprire attraverso le 14 Camere delle Meraviglie, che tra i loro tesori custodiscono anche le opere di celebri artisti come Salvador Dalì, Pablo Picasso, Brian Eno, Keith Haring e Federico Fellini, e il negozio con gli esclusivi prodotti Swarovski. Il “prezioso” Gigante è anche un’opportunità per conoscere la storia del cristallo grazie all’esperienza di laboratori per adulti e bambini, cacce al tesoro ed eventi culturali.

Ma Wattens non è solo la porta dei Mondi di Cristallo ma anche del cuore di questa tipica vallata tirolese fatta di dolci colline e di montagne, di natura e paesaggi, ideale per una vacanza in qualsiasi stagione. Oltre al paesino Swarovski, dove si trova anche un importante museo della macchina da scrivere, nella regione di Hall ci sono altri 9 villaggi che non passano inosservati, anch’essi accoccolati tra le dolci pieghe dei suoi panorami. Absam, famoso per l’apparizione della Madonna alla giovane Rosina Bucher e per il maestro liutaio Jakob Steiner che qui visse e lavorò; Baumkirchen, abitato già in tempi antichi grazie alla posizione privilegiata su un’altura sopra la valle dell’Inn che le regala sole per la maggior parte dell’anno e Fritzens, famoso, anche al di fuori dei confini nazionali, per le sue grappe e distillerie.

 

Da Gnadenwald - meta prediletta dagli appassionati di deltaplano - si gode un’ottima vista del parco alpino, riserva naturale più grande del paese, di Karvendel dove si può sperimentare un’ampia varietà di sport in mezzo alla natura. Mils spicca per le sue passeggiate e per il relax da assaporare nel famoso Day-Spa, così come Thaur per la bontà delle sue verdure (famoso il ravanello che cresce da queste parti) e la bravura degli artigiani che intagliano il legno per presepi e maschere di carnevale. Infine, Tulfes, che affaccia sul bel massiccio di Glungezer, Volders, ricca di natura e cultura e Wattemberg, con le sue antiche cascine e malghe. ( Fonte:http://viaggi.lastampa.it/articolo/mondo-swarovski-a-wattens-tirolo)

Autore: Emanuela Puoti

copyright 2011 © TURISMO.it / Nexta

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog