Il Golfo dei Poeti: nell’arcipelago delle meraviglie

  • oleg
  • Liguria

http://www.golfo-dei-poeti.it/wp-content/uploads/2012/07/portovenere.jpgC’è un angolo di Liguria in cui il mare è protagonista da sempre: è il golfo dei Poeti, con i suoi luoghi magici e antichi, le sue tradizioni, le sue isole di un piccolo e fantastico arcipelago che comprende Palmaria, Tino e Tinetto. E’ qui che settembre porta due appuntamenti dedicati a chi ha voglia ancora di vacanza e di esperienze uniche. La golosissima Sagra del Polpo alle Grazie di Porto Venere, l’8 settembre, e l’apertura ai visitatori dell’isola del Tino, il 13 settembre.

L’olfatto e soprattutto il gusto vogliono la loro parte, come sanno bene gli organizzatori della Sagra del Polpo, di scena a Porto Venere domenica 8 settembre. Si svolge alle Grazie di Porto Venere, in concomitanza con le celebrazioni per la Madonna delle Grazie.

Durante questi festeggiamenti migliaia e migliaia di pellegrini provenienti oltre che dalle vicine borgate anche da fuori provincia ed in particolare dalla Lunigiana, raggiungono il Borgo con ogni mezzo, per onorare la Madonna patrona del Golfo e rinnovare la loro testimonianza di devozione.

Il ricco programma delle festività dell'8 settembre comprende una mostra di pittura nel refettorio dell'ex Convento Olivetano, oltre a musica e spettacoli. Ma soprattutto, alla sera, l'ormai tradizionale Sagra del Polpo. Decine gli stand gastronomici che offriranno ai turisti le specialità locali fra le quali è possibile ricordare: fritture di pesce, frittelle di bianchetti, stoccafisso, “scabeccio” (pesce marinato), “sgabei” (frittelle di pasta di pane), tartufi e muscoli ripieni, “mesciua” (zuppa di legumi), polpo in carpaccio, polpo in umido, spaghetti di muscoli.

Da vedere la chiesa di Nostra Signora delle Grazie dove si venera la Sacra miracolosa Immagine della Madonna delle Grazie il cui dipinto viene attribuito ad Andrea de Aste (1432).

Venerdì 13 è un’altra ricorrenza religiosa a scandire il calendario dei turisti che hanno voglia di scoprire l’essenza della Liguria di levante: si tratta di San Venerio, che è il patrono del Golfo della Spezia e dei Fanalisti d'Italia, ovvero coloro i quali si occupano del funzionamento dei fari marittimi.

San Venerio fu un monaco eremita nel monastero un tempo esistente sull'isola del Tino (Porto Venere). Nelle notti buie era solito accendere, sulla sommità dell'isola, un falò che serviva come punto d'orientamento per le navi di passaggio. Il Santo morì nel 630 e in sua memoria fu costruito sulla tomba un monastero dai monaci Benedettini. Devastato più volte da incursioni barbare e piratesche, il monastero fu ricostruito numerose volte. Oggi l'isola è zona militare sotto il controllo della Marina Militare.

In occasione delle celebrazioni, il 13 Settembre, si svolge una processione in mare che prevede il trasferimento della statua del santo dalla Spezia sino all'isola del Tino e, successivamente, viene impartita la benedizione alle imbarcazioni. L'isola del Tino sarà visitabile solamente il 13 Settembre e la domenica successiva, che cade il 15.

 

http://www.parks.it/parco.porto.venere

http://www.navigazionegolfodeipoeti.it

ufficioparco@parconaturaleportovenere.it

telefono: 0187/794821

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog