In giro per la Spagna con El Greco

http://www.lastampa.it/rf/image_lowres/Pub/p3/2014/02/11/Societa/Foto/TNX-2904-madridprado.jpgIl 2014 si è aperto in Spagnacon grande fermento: ricorre infatti il quarto centenario della morte di Dominikos Theotokópulos, meglio conosciuto con il nome di El Greco, nato a  Creta nel 1541 ma attivo e morto a Toledo nel 1614. La Fundación El Greco 2014 è nata per l’occasione con l’intento di organizzare e promuovere numerose iniziative come le mostre a Toledo e a Madrid con un percorso, lungo tutto l’anno, che approfondisce la conoscenza di una delle figure più importanti del rinascimento spagnolo.

La carrellata di eventi prende il via aToledo con la mostra “El Griego de Toledo”, al Museo Santa Cruz dal 14 marzo al 14 giugno: un viaggio itinerante fra i luoghi dove il maestro ha lavorato e che espone, tra gli oltre 100 capolavori provenienti dai principali musei (tra cui la National Gallery di Londra, il Museo del Louvre e il Metropolitan Museum of Art di New York) e dalle collezioni nazionali ed internazionali, la nota Dama con l’ermellino, attribuita per anni al pittore ma, in realtà, dipinta 300 anni dopo da un autore sconosciuto. L’esposizione proporrà anche quelli che sono stati definiti gli Spazi Greco, ossia la presentazione di diverse opere nei luoghi per i quali furono create originariamente, come la Cattedrale, la Cappella di San Josè, il Convento di Santo Domingo el Antiguo, l’Ospedale di Tavera e la Chiesa di Santo Tomè, per un vero e proprio tour artistico di Toledo.

TOLEDO, EL GRECO E ALTRE MERAVIGLIE: LE FOTO

Ci si sposta a Madrid per il secondo evento che si svolge al Prado dal 24 giugno al 5 ottobre: si tratta di “El Greco y la pintura moderna”, che mira a rivelare l’influenza dell’artista su quelli delle generazioni successive, come Edouard Manet, Paul Cézanne e soprattutto Pablo Picasso. Dall’8 settembre al 9 dicembre si torna nuovamente a Toledo per ammirare la mostra “El Greco: arte y officio”, con riferimenti interessanti all’iconografia religiosa in quanto permette di confrontare per la prima volta diverse versioni di quadri come "La svestizione" o "La Crocifissione" e riunisce i quattro apostolati di El Greco in una stessa città. Senza dimenticare, ovviamente, che tutto l’anno è possibile visitare il Museo del Greco.

La mostra itinerante "Tra il cielo e la terra. Dodici sguardi su El Greco quattrocento anni dopo", incentrata sulla presenza di El Greco nell'arte attuale, è prevista da aprile a luglio nel Museo Nazionale di Scultura di Valladolid, mentre dal mese di settembre sarà accolta dalla Reale Accademia di Belle Arti di San Fernando a Madrid. Per andare invece alla scoperta di altre opere dell'artista distribuite in vari luoghi della Spagna si può andare anche al Museo Cattedralizio di Palencia, al Museo di Belle Arti di Siviglia, al Museo Diocesano di Sigüenza, al Museo di Belle Arti di Valencia, al Museo Nazionale d'Arte della Catalogna (Mnac), al Museo della Cattedrale di Avila, alla Collegiata e Chiesa parrocchiale di Pastrana, o al Museo Municipale di San Telmo a Donostia-San Sebastián.

A Toledo si può soggiornare all’Hotel Cigarral de Caraventes (Carretera de Circunvalación 2;www.cigarraldecaravantes.com), un tre stelle dall’atmosfera familiare proprio al centro città che offre splendide vedute, mentre a Madrid l’Hotel Prado (Calle Prado 11; www.pradohotel.com), situato nel triangolo dell’arte in prossimità dell’omonimo museo: dispone d 46 camere ognuna decorata in modo originale.

Informazioni
www.elgreco2014.com 

Fonte: www.lastampa.it
Autore: Flaminia Giurato ( Nexta)
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog