Kaunas, la Lituania a suon di musica

http://www.lastampa.it/rf/image_lowres/Pub/p3/2013/04/15/Societa/Foto/NX-VGG-ART-341112-Kaunas-341054.jpgIl Kaunas Jazz è solo uno dei grandi eventi musicali che anima la seconda città lituana durante la bella stagione
Flaminia Giurato (nexta)

Pensando alla Lituania si fa subito riferimento a Vilnius, la capitale. Ad un centinaio di chilometri di distanza si trova la seconda città per numero di abitanti, Kaunas, il più importante centro industriale del paese. Leggenda vuole che siano stati i Romani a fondarla, con un capo militare patrizio di nome Palemone che, fuggendo dalla Roma di Nerone, si trasferì in Lituania con i tre figli Barcus, Kune e Sperus i quali, alla sua morte, si divisero i territori. Kune prese la zona nei pressi della confluenza dei fiumi Neris e Nemunas, dove fece erigere un castello dando origine a quella che oggi è la città di Kaunas.

Il centro storico è stato costruito tra il XIV e il XVII secolo e vanta la presenza di diversi edifici in stile gotico, rinascimentale e barocco. Una bella passeggiata è il modo migliore per ammirare i monumenti più antichi come i resti del Castello del 1200, fatto costruire come avamposto contro i Cavalieri Teutonici, più volte distrutto e ricostruito nel corso dei secoli.  La Cattedrale è celebre per essere la maggiore chiesa in stile gotico della nazione, con 84 metri di lunghezza e 34 metri di larghezza. Il Vecchio Municipio è conosciuto come “il cigno bianco" per via della torre che si innalza dalla sua facciata e che raggiunge i 53 metri: si trova nell’antica Piazza del Municipio, come la chiesa di Vytautas dall’architettura del primo periodo gotico, mentre quella del tardo gotico si ammira nel vicino palazzo di Perkunas.

C’è poi la zona pedonale che si dipana attorno al Viale della Libertà in un pullulare di uffici, negozi, locali, banche, cinema e ristoranti e si caratterizza per l’estremità orientale occupata dalla Chiesa di San Michele l'Arcangelo, del XIX secolo.

Al di là dei monumenti e della storia che hanno segnato il passato di Kaunas, oggi la città si presenta con un’atmosfera molto vivace grazie ai numerosi festival, tra cui il Festival Musicale di Pažaislis, il Festival Internazionale di Danza Moderna, il Festival Hansa Kaunas a ricordo del grande periodo mercantile della Lega Anseatica, concerti spontanei dello Street Music Day, raduni techno del Turndra Music Festival e concerti di musica classica.

La musica è quindi un elemento di grande importanza nella storia e nella cultura della Lituania, parte integrante della vita della sua popolazione: si passa infatti dalle sutartinės, le antiche canzoni folk, fino alle opere dei più grandi compositori riconosciuti a livello internazionale. L’appuntamento imperdibile del mese di aprile è quello con il Kaunas Jazz, in programma dal 25 al 29, divenuto un grande evento di fama internazionale. Inaugurato nel 1991 è oggi un punto di riferimento per questo genere musicale in Lituania e non solo, e vede la presenza di musicisti provenienti da oltre 20 paesi che si esibiscono accanto agli artisti lituani in un’alternarsi di concerti di famosi jazzisti internazionali a percorsi educativi per artisti emergenti. Viene salutato l’arrivo della primavera a suon di musica: infatti durante le giornate dell’evento la cittadina diventa un grande palco all’aria aperta dove assistere a tanti concerti, molti dei quali gratuiti, visitare gallerie d’arte, chiese, club e partecipare ad eventi collaterali per tutta la famiglia.

Oltre al festival del jazz, la città di Kaunas ospita il Pažaislis Music Festival, che si svolge tutti gli anni da giugno ad agosto nella suggestiva cornice del Monastero di Pažaislis: inaugurato nel 1996 per diffondere la cultura della musica classica, mette in scena tanti generi musicali diversi che vanno dall’opera alla musica sacra russa, dal folk alla musica strumentale, corale, jazz, recital e molto altro, con artisti che provengono da tutto il mondo.
Fonte: www.lastampa.it/ Nexta

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog