Lo spettacolo dell'aurora boreale

http://www.amb-norvegia.it/FileCache/PageFiles/316040/Northern_lights_650x400.jpg/width_650.height_300.mode_FillAreaWithCrop.pos_Default.color_White.jpg

L'aurora boreale sul fiordo di Ersfjord a Tromsø. Foto: Bjørn Jørgensen / Innovation Norway

Osservare l’aurora boreale è un momento magico ed emozionante. Questo fenomeno è più frequente in autunno inoltrato e all’inizio della primavera. Ottobre, febbraio e marzo sono i mesi migliori per osservare l’aurora boreale, che generalmente si manifesta tra le 18.00 e la 1.00 di notte.

Per godervi al meglio questo spettacolo, consigliamo di evitare la luna piena e i luoghi pieni di luce e ricordiamo di coprirsi bene.

In teoria l'aurora boreale è visibile in tutta la Norvegia, ma i luoghi migliori sono comunque nella Norvegia del nord.

Siate pazienti

Ricordatevi sempre che state cercando di osservare un fenomeno naturale. L’aurora boreale ama giocare a nascondino. Osservare l’aurora boreale è spesso un braccio di ferro tra la vostra pazienza e la stessa aurora boreale. Rimanete nella zona almeno per una settimana, preferibilmente due, e verrete ripagati; a meno che il cielo non si copra completamente di nuvole.

Un arcobaleno di notte

A volte le luci dell’aurora boreale arrivano tutte insieme, danzando nel cielo, di colore arancio, porpora, verde e rosso. Altre volte sono semplicemente dei veli verdi o un groviglio di luce vaporosa. L'aurora boreale è sempre diversa. 

Una leggenda vivente

Forse non stupisce il fatto che l’aurora boreale abbia creato così tante leggende tra i suoi spettatori. I simboli dell’aurora boreale furono trovati sui tamburi sciamanistici dei Sami. Il fenomeno ha diversi nomi in lingua Sami. Ad esempio, è conosciuto come Guovssahas, che significa “luce che può essere udita”. I Sami per tradizione associavano l’aurora boreale con i suoni.

Durante l’era dei Vichinghi, l’aurora boreale era l’armatura delle Valchirie, le vergini guerriere, che spargevano una strana luce scintillante. E secondo una leggenda giapponese, concepire un bambino sotto l’aurora boreale era segno di buon auspicio.

Esplosioni

La realtà però non è così poetica. Il sole è il padre delle aurore boreali. Durante le grandi esplosioni e gli scoppi, immense quantità di particelle vengono sprigionate dal sole nello spazio.

Queste nuvole viaggiano attraverso lo spazio con velocità che variano da 300 a 1.000 km al secondo. Quando le particelle collidono con i gas nell’atmosfera terrestre, splendono producendo una fantastica gamma di colori.

Fonte: www.visitnorway.it

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog