Marmolada: la Regina delle Dolomiti

La Marmolada con i suoi 3.342m è la più alta montagna delle Dolomiti, da qui la sua denominazione “Regina delle Dolomiti”, geograficamente ubicata fra le provincia Belluno e Trento. La Marmolada che sul versante a sud offre la maestosa parete, meta dei più arditi alpinisti, a nord lascia spazio al famosissimo ghiacciaio, il più esteso delle Dolomiti, frequentatissimo dei turisti.

 

Ai piedi del massiccio si trova Malga Ciapèla a 1.450m. E’ una piccola conca circondata da alte vette in cima alla Val Pettorina. Una volta, per i contadini del luogo, era un buon alpeggio anche se difficile da raggiungere. Malga Ciapèla appartiene al Comune di Rocca Pietore nella provincia di Belluno, che dista 10 km.

 

Degna porta d'accesso alla Marmolada, la suggestiva gola dei Serrai, è un canyon di 2 km, che unisce l'abitato di Sottoguda a Malga Ciapèla, è considerata una delle meraviglie delle Alpi. L'origine si perde nella notte dei tempi, fu dapprima opera dell'erosione dei ghiacciai, alla quale poi subentrò quella delle acque del torrente Pettorina che scorre tortuosamente lungo la gola.

 

E’ il luogo ideale d'estate, per una fresca passeggiata con tutta la famiglia, lontano da smog e traffico, lungo la stradina pedonale che costeggia il torrente, alla base delle pareti verticali. D'inverno invece. èpercorribile anche con gli sci, e quotidianamente si possono apprezzare i funambolismi degli Ice-Climbers impegnati sulle numerose e famose cascate di ghiaccio.

 

Sempre in inverno, organizzate dal locale Consorzio Operatori Turistici Marmolada hanno luogo ogni settimana delle meravigliose fiaccolate a piedi.

A Serauta si trova il Museo della Grande Guerra.

Il museo ed il ristorante di Serauta si affacciano direttamente sulla zona dichiara “Monumentale Sacra” con decreto del 1978.

Qui, trincee, camminamenti , gallerie e postazioni rendono l’idea di quanto lavoro sono stati capaci gli Alpini ed i Fanti, nonché quanti sacrifici siano stati costretti ad affrontare per sopravvivere in quelle difficili condizioni. Questi siti sono comodamente visitabili durante la stagione estiva.

 

A Punta Rocca esiste una grotta-capella che ospita una statua della Madonna "Regina delle Dolomiti"consacrata da S.S. Papa Giovanni Paolo II, che da allora è diventata un luogo di pellegrinaggio soppratutto nei mesi estiivi.

Dalla funivia gli sciatori si immettono nello spettacolare carosello sciistico del Superski Dolomiti che offre 1.200km di piste servite da quasi 450 impianti di risalita.Dalle stazioni si può ammirare un'incantevole panorama.

 

Da Punta Rocca parte la storica pista "La Bellunese" che con i suoi 12km di lunghezza e 1.810m di dislivello porta sino alla stazione di partenza della funivia a Malga Ciapèla. Su questa pista si svolge tuttora il ben noto "Gigantissimo della Marmolada", che nel 1935 e stato la prima gara di slalom dello sci.

 

Vari sono i registi che hanno scelto la Marmolada e/o la Serrai di Sottoguda per ambientare i loro film, dal colossal “Marco Polo”, a “Cliffhanger” con Silvester Stallone, “L’ultima neve di primavera”, “Black tunnel” ecc.

 

L’impianto di risalita comprende tre funivie che da Malga Ciapèla portano sino alla cima di Punta Rocca.

 

La prima funivia partendo da Malga Ciapèla (1.450m) porta a Coston d'Antermoja (2.350m). La seconda da Coston d'Antermoja (2.350m) raggiunge Serauta (2.950m) per proseguire con la terza fino alla cima di Punta Rocca (3.265m), di fronte a Punta Penia che con i suoi 3.342m è la cima più alta delle Dolomiti.

 

( Fonte: www.funiviemarmolada.com)

Editing: Angelo Marcotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog