" Tulum, un'isola di tranquillità " di Guido Bernardi

http://www.gazzettadiparma.it/mediagallery/foto/dett_articolo/1210773669580_0.jpgCancùn,  e Playa del Carmen, sono a poche decine di minuti d’auto; e la pseudo-autostrada della riviera Maya si ferma a pochi chilometri, ma Tulum è rimasta una perla rara, un luogo da visitare prima che venga americanizzato e cementificato. Gli albergatori della zona, coscienti del pericolo, non hanno voluto che la linea della corrente elettrica li raggiungesse; vanno avanti con il generatore, sperando che ciò sia un deterrente contro l’invasione delle grandi catene internazionali.
Tulum è distesa lungo una chilometrica e bellissima spiaggia; una spiaggia vera, su cui al mattino si trovano ancora mucchi di coralli depositati dalle onde, conchiglie, alghe. Una manciata di piccoli alberghi, costituiti di cabañas, tutti un po' radical-chic, alcuni con pretese ecologiste ma chi più, chi meno, ben inseriti nel paesaggio e nel territorio. Si viene a Tulum per le bellissime rovine Maya, meno preziose, architettonicamente, di quelle non lontane di Cobà o di Chichén-Itzà, ma le uniche, spettacolari, in riva al mare. Ma si viene anche per il mare, lo snorkeling, le immersioni, la spiaggia, la buona cucina, la natura.   Sulla spiaggia si affacciano ristorantini apparentemente di poche pretese, ma dove, spesso, la cucina è di molto superiore all’architettura. Accarezzati dalla brezza marina, all’ombra di cannicci e bianche tende, si mangiano i meravigliosi pesci, crostacei, molluschi di questo mare generoso. Fra i migliori c'è l’Hemingway, semplice e sofisticato allo stesso tempo, ravvivato dall’allegria veneta di Paola e poi Ana y José, più americanizzante e ricercato, o la Posada Margherita con un’impronta italiana, o l’elegante Mezanine, dalla cucina Tailandese-fusion.Si pranza in short o anche in costume da bagno, il servizio è spesso sommario ma sempre gentile e sorridente ed aiuta a sentirsi liberi.

Chi fosse pazzo per la natura può esplorare la Reserva de la Biosfera Sian kàan, 13 chilometri a sud di Tulum. "Dove il cielo è nato" (questo significa Sian kàan) copre 100 km di costa, è abitato da milioni di pesci, uccelli, rettili, felini, farfalle, ed è abitata da meno di mille persone. La cosa straordinaria è che questo paradiso, che sembra assolutamente vergine, è attraversato da una fitta rete di canali navigabili, scavati dai Maya mille anni fa, che collegano 27 rovine non ancora riportate interamente alla luce. È uno strano mix di natura e storia, che rende il luogo magico.Altra attrazione naturale particolarissima sono i 'Cenotes' di cui la zona è ricchissima: sono immense caverne di origine calcarea piene d’acqua; si nuota in un mondo di stalattiti e di stalagmiti, passando sopra a bizzarre formazioni rocciose e scivolando intorno a gallerie naturali che fa credere di essere nello spazio.A 3 km da Tulum c'è uno dei più grandi e belli, il Gran Cenote, vale la pena farci un tuffo.Dimenticavamo, c'è anche un 'Tulum pueblò, a 3-4 km dalla spiaggia, ma è meglio dimenticarlo: due supermercati, una banca (questa utile perché c'è l’unico Bancomat), qualche negozietto di miserrimo souvenir.Dormire e MangiareCome dicevamo non mancano sfiziosi alberghi e ottimi ristoranti.L'hotel più piacevole è l’Hemingway Resort (www.myson.it sezione americhe) 10 cabañas sulla spiaggia, un ristorantino accarezzato dal vento in riva al mare, una gran cura dell’ecologia. My Son, organizza settimane, volo incluso, a partire da 950 euro. Ana Y José (www.anayjose.com) sempre sulla spiaggia è uno fra i più sofisticati di Tulum, belle camere e buon ristorante. Sui 250 dollari USA a notte.La Posada Margherita (www.posadamargherita.com) è un piccolo albergo gestito da italiani. Da 120 dollari Mezanine (www.mezanine.com.mx ) è un bel ristorante di atmosfera; propone cucina fusion con tendenza tailandese. Piacevole la vista sul mare. A cena sui 50 dollari. Hechizo (tel. 9841000710) è un ristorante di classe, un po' caro e comunque unico per tipologia nella zona.

Fonte: www.gazzettadiparma.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog