Utrecht: l'arte va in stazione

http://www.lastampa.it/rf/image_lowres/Pub/p3/2013/06/29/Societa/Foto/NX-VGG-ART-361095-shutterstock_86681860-362123-363739.jpgSono tanti i motivi per visitare la città olandese soprattutto in estate grazie al ricco programma di eventi tra cui la singolare mostra di 25 artisti alla Stazione Centrale. Fino al 22 settembre.
Flaminia Giurato (nexta)

Ci sono tanti buoni motivi per visitare Utrecht, la città che una volta era la capitale dell’ Olanda cattolica e che ha dato anche l’unico Papa Olandese, cioè Adriano VI. Famosa per la sua prestigiosa università da cui sono usciti 10 Premi Nobel, Utrecht vanta una vita artistica e culturale di prim’ordine, oltre che una suggestiva architettura a cui fanno da cornice i bellissimi canali.

Tanto per citare uno degli appuntamenti imperdibili che anima l’estate 2013 basta recarsi in uno di punti più affollati d’Olanda, ovvero presso la Stazione Centrale e il suo enorme centro commerciale, l’ Hoog Catharijne, dove è possibile ammirare, fino al 22 settembre, le opere di 25 artisti nazionali e internazionali collocate nei corridoi, alle pareti, sui tetti e in altri posti più appartati. Ad accogliere i visitatori all'entrata principale campeggia la teiera alta circa 8 metri di Lily van der Stokker, mentre sulla piazza Hoog Brabant si trova una fontana realizzata dal designer inglese Troika, dalla quale, al posto dell'acqua, scaturiscono rotoli di spago colorato. Sul soffitto del centro commerciale, l'artista Ester van der Wiel ha realizzato, insieme agli abitanti e agli impiegati degli uffici, un vero e proprio giardino con tanto di polli, mentre l'artista berlinese Christian Jankowski ha creato tre Living Statues, ovvero statue in bronzo viventi.

Tutto il centro storico di Utrecht è ricco di monumenti, da quelli medievali a quelli gotici e rinascimentali. La Torre del Duomo, per esempio, è tra le più belle e la più altra di tutti i Paesi Bassi, con i suoi 112 metri di altezza: il carillion, molto amato dagli abitanti, ogni sabato offre piccoli concerti. La Cattedrale di San Martino, nota anche come Duomo, si trova accanto alla Torre del Duomo di Utrecht: in origine i due edifici erano collegati, ma nel 1674 una tromba d'aria causò il collassamento della navata del Duomo, separando chiesa e torre. Oggi si presenta con la sua imponente volta di 32 metri e le tombe e le vetrate a mosaico.

Nelle vicinanze c'è la piazza del municipio, Domplein, circondata dai principali edifici della città. Da non mancare è la visita della Chiesa di San Pietro, la Pietereskerk, raro esempio di architettura romanica olandese, con la sua navata unica su colonne in granito rosso, affreschi che vanno dal XIII al XV secolo e la cripta dove si trova il sarcofago del vescovo Burnulfo, che consacrò la chiesa. Dal 1656 la chiesa è di culto protestante.

Spostandosi al convento di Sant’Agnese, fondato nel 1420, si può visitare uno dei musei più importanti, il Centraal Museum, che espone pezzi della pittura olandese fino al XX secolo e nel sotterraneo una nave del VIII secolo, scoperta nel 1930. Sugli incantevoli canali che si diramano per la città si affacciano le caratteristiche cantine con i tavolini disposti lungo le banchine, che offrono la possibilità di mangiare e bere qualcosa in riva all'acqua.

Passeggiare lungo i canali e nel centro pedonale significa ammirare negozi e boutique tra le più diverse. E per chi desidera continuare lo shopping tra i mercati di Utrecht c’è quello dei tessuti (Lapjesmarkt), che si tiene da oltre 400 anni; quello dei fiori (Bloemenmarkt) e il mercato di Vredenburg, il più grande della città, dove si acquistano generi alimentari ma anche accessori d elettronica e capi d’abbigliamento.

Alle porte della città si erge lo splendido Castello De Haar, considerato  uno dei più belli del paese: si trova in una zona circondata da laghi e boschi ed è stato costruito in stile neogotico tra il 1892 e il 1912. Altre passeggiate suggestive vale la pena farle nel parco Wilhelminapark, nel parco Lepelenburg, nei giardini botanici o lungo i canali esterni che circondano la città.
Fonte: www.lastampa.it
(Nexta)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog