Val di Funes: la montagna è accessibile a tutti

http://www.miaaltabadia.it/cf/c175_1_Tramonto_sulle_Odle.jpgPer fuggire dall’afa e dalla calura delle nostre città, cosa c’è di meglio di una bella vacanza in montagna? Aria buona, cucina gustosa e tante passeggiate per riempire occhi, polmoni e cuore di splendidi paesaggi. Un sogno. Non per tutti però. Per disabili, anziani e non vedenti, la montagna può essere un percorso ad ostacoli pieno di barriere, naturali e non.

 

Nel cuore delle Dolomiti, a pochi chilometri da Bolzano, nella splendida Val di Funes, c’è un luogo in cui i segreti della natura vengono svelati a tutti: anziani, bambini, non vedenti, persone con scarsa abilità motoria o disabili in sedia a rotelle. Qui non ci sono limiti e non ci sono barriere. Il sentiero natura Zannes, infatti, è stato pensato per consentire a tutti di ammirare il singolare paesaggio naturale e culturale del parco naturale Puez-Odle, sfruttando tutti i sensi che abbiamo a disposizione. Un percorso ricco di esperienze che si inserisce nel programma educativo dell’Ufficio Parchi Naturali dell'Alto Adige, che da anni lavora per sensibilizzare la società ai problemi delle persone con difficoltà di vista e di deambulazione.

Scopriamo insieme il sentiero Zannes. Il percorso, tre chilometri in tutto, si snoda attraverso prati, boschi, pascoli fioriti. Attraversa un ponte di legno di nuova costruzione che sovrasta un vivacissimo ruscello, arriva al rifugio "Kelderer Wiese", per concludersi poi là da dove parte, ovvero al parcheggio di Zannes. Parcheggio che, naturalmente, ha vari posti auto riservati ai disabili.

 

Tutto è curato nei minimi dettagli: la pendenza raggiunge un massimo dell’8%, il sentiero dispone di uno speciale rivestimento antiusura e di stazioni di sosta e informazione. Quest’ultime, quattordici in tutto, raccontano le particolarità naturalistiche della zona e lo fanno in modo decisamente originale. Nello spazio chiamato Montagne da toccare si trova un plastico con una legenda scritta in braille, per far immaginare anche ai non vedenti l’imponenza delle montagne che fanno da cornice al percorso.

 

L’Auditorio della natura permette di ascoltare in assoluta contemplazione tutti i suoni del bosco. Ci si siede su una panca realizzata con legno locale, e ci si diletta nell’ascolto di un vero e proprio concerto. I musicisti? Gli uccelli, il fruscio delle foglie, lo scorrere dell’acqua. I bambini poi si divertiranno a scrutare il mondo delle formiche o a osservare gli animali del bosco in libertà. Un’esperienza davvero indimenticabile. ( Fonte: www.intrage.it)

 

Link consigliati
Provincia di Bolzano - il sentiero natura Zannes

Sito ufficiale Valle Isarco

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog